COME AFFRONTARE GLI EFFETTI COLLATERALI DELLA CHEMIOTERAPIA

Come affrontare il problema della perdita dei capelli

La perdita dei capelli è un problema che può verificarsi nel caso in cui venga eseguito un trattamento chemioterapico e/o radioterapico.
Alcuni farmaci antitumorali o un trattamento radioterapico in alcune zone del corpo, infatti, oltre a distruggere le cellule neoplastiche possono contemporaneamente attaccare e danneggiare i bulbi piliferi, ossia la radice di capelli, peli, ciglia e sopracciglia.
Perdere i capelli rappresenta sempre un momento difficile, ancor più se si pensa che per una donna rappresentano un aspetto della femminilità. Non è vanità, ma un elemento che caratterizza e identifica la persona.
La perdita dei capelli, quando avviene, può manifestarsi con tempi e modalità diverse. In ogni caso i capelli ricrescono terminata la terapia, inizialmente possono avere una consistenza più sottile, ma dopo qualche mese torneranno ad essere come prima!
Sapere che i capelli ricresceranno, non toglie il disagio e la donna si sente indifesa e vulnerabile, talvolta anche incompresa da familiari, amici e dai medici stessi. Rimanere senza capelli è un po’ come vedere la propria malattia e sentirne tutto il peso.
Il consiglio è di utilizzare piccoli accorgimenti: accorciare i capelli prima che incomincino a cadere e pensare alla possibilità di utilizzare una parrucca o un copricapo (foulards, bandane, cappelli..) scegliendolo per tempo.
La parrucca potrà essere anche molto simile, per taglio e colore, ai propri capelli.
In ogni caso bisogna aver cura del cuoio capelluto che è delicato come la cute del viso: lasciatelo respirare almeno 6 ore al giorno, massaggiatelo con olii idratanti e proteggetelo con creme dal sole e dal freddo.
Questo è solo un periodo della vostra vita e i vostri disagi sono gli stessi vissuti da tante donne come voi: chiedete informazioni, fatevi consigliare, non chiudetevi in voi stesse.